Migranti, Paolo Benvegnù sullo svuotamento della ex colonia della Croce Rossa di Jesolo

È necessario dare una risposta civile e rispettosa dei diritti e del diritto ai richiedenti asilo ospiti della ex colonia della Croce Rossa di Jesolo. Abbiamo seguito con attenzione quello che è successo in queste settimane. Lo abbiamo fatto preoccupati dal crescere di toni xenofobi e dal tentativo di scaricare sui migranti la ripresa nel Veneto della diffusione dei casi di contagio da Covid. Nella struttura jesolana, i richiedenti asilo hanno subito, come tutte/i, le restrizioni necessarie durante il periodo della chiusura. I casi di Covid si sono manifestati dopo la riapertura e la ripresa dei contatti con l’esterno e del lavoro: spesso in nero, sottopagato, e in condizioni di scarsa sicurezza. Lavoro molto spesso fondamentale per alcune attività economiche, in turismo e in agricoltura, come conferma la dirigenza della azienda Frova oggi in una intervista ad un giornale locale. Lavoro che molte/i perderanno se le nuove collocazioni a cui saranno destinate/i non ne permetteranno il mantenimento: come è accaduto e accadrà per chi è stato trasferito a Cavarzere. Questo è il punto fondamentale. La decisione di dismettere le attività di accoglienza della ex colonia Croce Rossa, che peraltro apre spazi a una robusta speculazione in un’area di particolare pregio, deve essere accompagnata da una ricollocazione degli ex ospiti che, oltre ad essere dignitosa, tenga conto del già avvenuto inserimento di molte/i di loro nel tessuto sociale ed economico del territorio.

Paolo Benvegnù
candidato presidente della Regione Veneto per la lista “Solidarietà Ambiente Lavoro” SAL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *